Obiettivi e tecnologie 

La blockchain, intesa come tecnologia, e la sua progressiva adozione in settori sempre più diversificati, ha permesso un repentino cambiamento di prospettiva nella gestione dei flussi finanziari apportando enormi quantitativi di liquidità provenienti non solo dai grandi investitori, ma anche dal settore retail che, prima per gioco poi con discreta consapevolezza, si è avvicinato e si sta avvicinando al settore crypto nella sua accezione più ampia. 

Una delle caratteristiche fondamentali della tecnologia blockchain e dei suoi applicativi è sicuramente il potersi rivolgere ad una platea di destinatari non solo senza che essi siano approvati o censiti a monte da un ente terzo, ma addirittura senza necessità di avere un conto in banca o una mail: il cosidetto web3 permette infatti agli utenti di accedere a questa tecnologia semplicemente creando un wallet e detenendo le proprie chiavi di accesso. 

La tecnologia blockchain, permissionless e decentralized, si propone di contrastare, in ogni sua applicazione e declinazione, i sistemi accentratori che hanno presentato negli ultimi anni diverse barriere all’ingresso, in particolare nel settore finanziario. 

In questo scenario ha trovato una sua naturale applicazione un ecosistema, la cui architettura è strutturata su protocolli di finanza costruiti su smart contract, ovvero software più o meno complessi che attingono ad una logica lineare del tipo if-this-then. 

Per dare al lettore una visione pratica del funzionamento di uno smart contract, si è soliti attingere al funzionamento di una macchinetta del caffè, dove dietro l’inserimento di una moneta o di una chiavetta, viene generato un deposito di garanzia (cd.

Continue reading Finanza decentralizzata (DeFi) at Affidaty Blog.